Home In Evidenza Monitoraggio del sonno: i benefici degli smartband

Social Network

Ti è piaciuto questo articolo?

Monitoraggio del sonno: i benefici degli smartband

In un articolo di un po’ di tempo fa, abbiamo parlato degli smartband e di come questi possano migliorare il benessere di tutti i giorni, attraverso tante funzionalità diverse.

Dalle funzionalità per il fitness e l’attività fisica, fino a quelle più strettamente legate alla salute, come il cardiofrequenzimetro o la misurazione dell’ossigenazione del sangue, abbiamo visto come lo smartband possa essere un ottimo compagno per il proprio benessere durante tutta la giornata. 

Ciò che non abbiamo detto nell’articolo precedente, però, è che i benefici e le funzionalità per il benessere offerti da uno smartband non si limitano alle sole ore di attività, ma possono comprendere anche le ore notturne e i momenti di riposo.

Tra le molteplici funzioni che caratterizzano uno smartband, infatti, ricoprono un ruolo importante quelle legate al cosiddetto sleep tracking ovvero il monitoraggio del sonno.

Questo perché, anche grazie a tecnologie sempre più avanzate e in grado di analizzare accuratamente i parametri del nostro corpo, nel corso del tempo il monitoraggio delle fasi di sonno ha acquisito sempre più importanza, in quanto portatore di potenziali benefici per il benessere della persona. 

Se il sonno e il riposo ricoprono un ruolo fondamentale per la salute, è altrettanto importante comprendere la qualità del sonno, andando oltre al semplice conteggio delle ore di riposo.

A questo proposito, gli smartband con funzioni di sleep tracking permettono di analizzare più approfonditamente i cicli di sonno, dando importanti indicazioni sulla qualità del proprio riposo, così come sulle diverse fasi che sono sostanzialmente tre: sonno leggero, sonno pesante e fase REM.

In breve, per descrivere queste tre fasi del sonno, possiamo dire che: 

  • Il sonno leggero può essere descritto come quella fase che precede il sonno profondo e durante la quale il nostro corpo e la nostra mente si rilassano per prepararsi al “vero” riposo. Per quanto questa rappresenti una fase di rilassamento muscolare e cerebrale, infatti, il nostro corpo necessita di sonno profondo per mantenere un ottimo stato di salute. 
  • Il sonno profondo è la fase in cui attività muscolare e movimenti oculari si fermano completamente. È la fase di totale rigenerazione per il nostro corpo e anche il respiro e il battito cardiaco rallentano. 
  • La fase REM (acronimo di Rapid Eye Movement), infine, come dice il nome è la fase caratterizzata da rapidi movimenti oculari, durante la quale si verifica anche l’attività onirica, ovvero quella dei sogni.

Il monitoraggio delle tre fasi del sonno effettuata da uno smartband come ad esempio il [T-FIT 290 HBT] consente di avere una panoramica dettagliata di quante delle ore dormite siano state effettivamente rigeneranti per il nostro corpo o quante invece siano state caratterizzate da un riposo agitato e frammentato. 

Questo aspetto è poi arricchito dai dati forniti dalle funzioni relative all’analisi dei movimenti durante il sonno, registrate dagli smartband attraverso accelerometro e cardiofrequenzimetro integrati.

Grazie alle numerose funzioni disponibili, uno smartband è quindi in grado di garantire un monitoraggio del sonno accuratissimo e corredato da numerose informazioni relative all’attività del nostro corpo durante le ore di riposo. Tuttavia può ancora sorgere una domanda a qualcuno: perché dovrei monitorare il sonno con uno smartband? 

Monitoraggio del sonno: perché?

Non è un caso se tutti i migliori smartband sul mercato oggi includono funzioni di monitoraggio del sonno, oltre alle più standard funzionalità di analisi dell’attività fisica. 

Questo perché, come si dice, il sonno è la migliore delle medicine e ricopre un ruolo cruciale per la nostra salute. La qualità del riposo è infatti fondamentale per chi compie attività sportiva, a qualsiasi livello, in quanto il sonno influisce positivamente o negativamente sulle prestazioni ed è, in ogni caso, essenziale per il recupero da affaticamento fisico. 

Allo stesso modo, il monitoraggio del sonno è una buona pratica anche per i non sportivi, perché, come è facile immaginare, la qualità del riposo incide fortemente anche sulle capacità cerebrali, con importanti ripercussioni sul benessere psico-fisico.

Inoltre, esistono numerosi studi sulla correlazione tra la grave mancanza di sonno e seri problemi per la salute, quali diabete, ipertensione e obesità che non possono certo essere ignorati.

Ecco perché il monitoraggio del sonno può essere estremamente utile per la propria salute e il proprio benessere, indipendentemente dallo stile di vita di ognuno.

In questo, lo smartband si conferma ancora una volta un dispositivo essenziale ed estremamente comodo. Davvero un compagno perfetto per il monitoraggio e il mantenimento del proprio benessere, che sia durante la sessione di jogging quotidiana, durante la giornata lavorativa o durante le ore di riposo.

Per scoprire lo smartband più adatto a te, consulta le caratteristiche dei T-Fit Trevi!

T-FIT 320 GPS
T-FIT 260 HB
T-FIT 250 GPS

Articoli Correlati

Switch Off: nuovo TV o decoder, cosa scegliere?

La data dello switch off: acquistare un nuovo TV o un decoder da associare al proprio dispositivo? Cosa scegliere tra i due?

Switch off: da MPEG-2 a MPEG-4

Dal 15 ottobre, come ormai sappiamo bene,...

Bonus TV: come funziona il bonus per la rottamazione

Da lunedì 23 agosto è possibile richiedere il bonus tv fino a 100€ per la rottamazione di vecchi dispositivi e acquisto di nuovi: ecco come richiederlo