Home In Evidenza Bonus TV: come funziona il bonus per la rottamazione

Social Network

Ti è piaciuto questo articolo?

Bonus TV: come funziona il bonus per la rottamazione

Lunedì 23 Agosto è stato ufficialmente introdotto il nuovo bonus TV 2021 anche definito più precisamente bonus rottamazione TV e sarà possibile richiederlo per l’acquisto di un nuovo televisore.

Il bonus TV, introdotto con un recente decreto dal Ministero dello Sviluppo Economico, consiste in un’agevolazione per la rottamazione della propria TV, incentivando l’acquisto di un nuovo dispositivo attraverso il rilascio di un buono pari al 20% dell’acquisto, fino ad un totale di 100€.

L’obiettivo di questo decreto e quindi del bonus TV è proprio quello di incentivare la rottamazione di vecchi televisori che finiranno presto per diventare obsoleti, per via dell’imminente switch off, di cui abbiamo già parlato approfonditamente qui, e facilitare a tutti il passaggio a nuovi modelli che supportano la nuova tecnologia di trasmissione DVB-T2.

Il cosiddetto Switch Off, infatti, avrà inizio già dal 15 ottobre 2021 con le prime operazioni di spegnimento delle frequenze di trasmissione attualmente utilizzate e che dovranno essere “liberate” per fare spazio all’arrivo del 5G. Da questa data in poi, attraverso un passaggio graduale che coinvolgerà via via tutte le regioni italiane, cambierà quindi lo standard di trasmissione della televisione italiana passando dall’attuale standard per la codifica del segnale audio/video MPEG-2 a favore del Mpeg-4 al nuovo DVB-T2, con il 15 gennaio 2023 fissata attualmente come data definitiva per il completamento del passaggio (per conoscere tutte le date previste per ogni area d’Italia, leggi il nostro articolo).

Questa grande rivoluzione della televisione porta però ad importanti conseguenze per tutte le famiglie italiane. Una volta che il cambio di standard di frequenza sarà avvenuto, infatti, tutti i dispositivi più vecchi e che non supportano lo standard DVB-T2, non saranno in grado di ricevere il segnale del digitale terrestre e quindi di trasmettere i canali TV, se non attraverso l’implementazione di un decoder aggiuntivo.

Da qui, la necessità di offrire ad un maggior numero di persone la possibilità di cambiare il proprio televisore, passando ad un dispositivo più recente e pronto ad “accogliere” il nuovo standard di trasmissione, che ha spinto il Ministero dello Sviluppo economico ad introdurre il Bonus TV per la rottamazione e l’acquisto di nuovi dispositivi. 

Non solo un’operazione per aiutare e fare crescere il mercato tecnologico, ma un contributo rivolto a tutti per rendere più facile e accessibile questo passaggio ormai alle porte.

Vediamo quindi più nel dettaglio, a chi si rivolge in particolare il bonus TV per la rottamazione, in cosa si differenzia rispetto al bonus TV introdotto nel 2020 e, infine, come ottenerlo.

A chi si rivolge il Bonus TV per la rottamazione

A differenza del Bonus TV di 50€ introdotto nel 2020 per l’acquisto di un nuovo televisore, il Bonus rottamazione TV non si basa su alcun requisito patrimoniale o reddituale, di conseguenza non è necessario fornire il proprio ISEE per poterne usufruire.

È comunque possibile “combinare” i due bonus, sfruttando gli incentivi offerti da entrambi, ovviamente a patto che vengano rispettati i requisiti di reddito richiesti dal bonus TV 2020. Tuttavia, nel caso venissero utilizzati i due bonus, il bonus TV 2020 potrà offrire un buono massimo di 30€ anziché 50€.

Tornando al bonus rottamazione TV 2021, come detto, questo non presenta particolari vincoli reddituali ed è quindi utilizzabile da chiunque ne faccia richiesta per l’acquisto di un nuovo televisore che supporti lo standard di frequenza DVB-T2. 

L’unico requisito richiesto per usufruire del bonus riguarda la rottamazione di un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018 e occorre essere in regola con i pagamenti del canone RAI. 

Per la rottamazione del vecchio televisore può essere effettuata consegnando il vecchio televisore direttamente al rivenditore presso il quale si effettua l’acquisto del nuovo o, in alternativa, è possibile effettuare autonomamente la rottamazione, portando il vecchio dispositivo presso un’isola ecologica per lo smaltimento.

Come sapere se il proprio TV è idoneo a ricevere le frequenze DVB-T2

Il bonus rottamazione TV è quindi un ottimo incentivo per tutte le persone che vorranno sostituire un televisore che diventerà presto obsoleto con un dispositivo nuovo e di ultima generazione. 

Tuttavia, prima ancora di conoscere come richiedere il bonus TV, è utile sapere se il dispositivo già in possesso sarà in grado di ricevere le trasmissioni dopo lo switch off o se sarà necessario sostituirlo (o comunque associargli un decoder). 

Abbiamo già scritto in un precedente articolo come sapere se il TV supporta il DVB-T2, ma per riassumere, ti basterà accendere il tuo TV e sintonizzarti con il telecomando sul canale 100 oppure sul canale 200. La comparsa della dicitura “Test HEVC Main10” è un segnale del fatto che il tuo televisore supporta il DVB-T2. Se invece visualizzerai solo uno schermo nero, potrai comunque fare un altro tentativo provando a riprogrammare la TV e risintonizzando i canali. Se anche dopo la sintonizzazione comparirà ancora lo schermo nero, allora significherà che il tuo TV, allo stato attuale, non supporta lo standard di trasmissione DVB-T2.

Come richiedere il bonus TV fino a 100€

Abbiamo già parlato degli unici requisiti necessari per richiedere il bonus rottamazione TV, ma cosa fare per richiedere il bonus? 

Richiedere il bonus TV è molto semplice. Si può infatti richiedere, entro il 31 dicembre 2022, attraverso la compilazione di un modulo apposito (scaricabile qui) da consegnare direttamente al rivenditore presso la quale si effettuerà anche la rottamazione oppure, in caso di rottamazione in autonomia, da consegnare all’isola ecologica presso la quale si effettua lo smaltimento che certificherà la rottamazione e quindi l’accesso al bonus.

Il bonus TV potrà essere utilizzato solo una volta per l’acquisto di un nuovo dispositivo e sarà disponibile per tutti i richiedenti fino all’esaurimento dei fondi previsti, pari a 250 milioni di euro.

Ora hai tutto ciò che ti serve per richiedere il bonus TV e acquistare un nuovo tv di ultima generazione. Se hai qualche dubbio su quale TV acquistare, ecco qualche opzione tra gli smart TV Trevi: 

UHD 5003 SMART

LTV 4008 SMART

LTV 3209 SMART

LTV 2401 SA2

Articoli Correlati

Registratore vocale: perché acquistarlo anziché affidarsi allo smartphone

Perché scegliere un registratore vocale digitale anziché affidarsi all'app dello smartphone? Ecco i vantaggi del dispositivo.

Switch Off: nuovo TV o decoder, cosa scegliere?

La data dello switch off: acquistare un nuovo TV o un decoder da associare al proprio dispositivo? Cosa scegliere tra i due?

Switch off: da MPEG-2 a MPEG-4

Dal 15 ottobre, come ormai sappiamo bene,...