Home In Evidenza Switch Off: nuovo TV o decoder, cosa scegliere?

Social Network

Ti è piaciuto questo articolo?

Switch Off: nuovo TV o decoder, cosa scegliere?

Su Storie di Trevi ormai da diverso tempo parliamo dello Switch Off TV, ma ora siamo davvero vicinissimi all’inizio di questa vera e propria rivoluzione che porterà grandi cambiamenti per la trasmissione della televisione italiana e, di conseguenza, anche su numerosi dispositivi.

Abbiamo già parlato approfonditamente di che cos’è lo Switch off, ma per riassumere, possiamo dire che si tratta di un grande cambiamento che coinvolgerà il sistema di codifica del segnale e il modello di trasmissione attualmente utilizzato per la TV, con l’obiettivo di liberare spazio su alcune frequenze utilizzate in questo momento dal digitale terrestre, per facilitare l’arrivo della tecnologia 5G. 

Nel precedente articolo abbiamo anche analizzato più nel dettaglio, quali sono a livello tecnico i cambiamenti previsti dallo switch off, che possono essere divisi sostanzialmente in due grandi fasi: il primo cambiamento riguarda la codifica MPEG-2 che verrà sostituita dalla più recente codifica MPEG-4, un primo step per rendere questo passaggio meno drastico. Successivamente sarà la volta del modello di trasmissione che varierà dall’attuale DVB-T al DVB-T2

Ora, siamo a meno di un mese dall’inizio vero e proprio dello Switch Off, con il 15 ottobre 2021 fissata come data per l’avvio della prima fase, quella relativa al cambio da MPEG-2 a MPEG-4, appunto. Questo primo passaggio comporterà l’oscuramento di tutti i dispositivi SD, poi dal 1° Gennaio 2022 inizierà la seconda fase di spegnimento delle frequenze a 700 mHZ e del passaggio da DVB-T a DVB-T2 che coinvolgerà man mano le diverse aree d’Italia (anche per le date esatte e le relative aree dello Switch Off abbiamo scritto un articolo). 

Come ormai sappiamo, lo Switch Off avrà grandi ripercussioni soprattutto sui dispositivi e sui televisori più datati, probabilmente non idonei a trasmettere sfruttando il nuovo standard che verrà adottato. 

Per molti italiani quindi sarà necessario adeguare i propri dispositivi per accogliere lo Switch Off e questo porta ad una scelta da fare da qui a breve: acquistare un nuovo TV o un decoder per abilitare anche i dispositivi più vecchi a ricevere con il nuovo standard di trasmissione? 

Non si tratta di una scelta banale, quindi in questo articolo vedremo i vantaggi delle due alternative per aiutarti a scegliere la migliore opzione, in base alle tue esigenze. 

Prima però, come è possibile capire se il proprio televisore è abilitato o meno ad accogliere lo Switch Off? 

Come sapere se il proprio TV supporta il DVB-T2?

Anche su questo tema, un po’ di tempo fa abbiamo scritto un articolo per prepararsi al meglio allo Switch Off, in cui indicavamo come scoprire se il proprio TV fosse pronto per supportare il DVB-T2. 

Tuttavia, dato che ormai lo Switch Off è imminente, vediamo quali sono i semplici passaggi da seguire per scoprirlo. 

Per capire se il tuo TV è già idoneo per lo switch off, dovrai accendere il tuo TV e sintonizzarti con il telecomando sul canale 100 oppure sul canale 200

Se apparirà la scritta “Test HEVC Main10” significherà che il tuo televisore supporta il DVB-T2 e, dunque, non avrai bisogno di un nuovo dispositivo. 

Se invece visualizzerai solo uno schermo nero, potrai comunque fare un altro tentativo provando a riprogrammare la TV e risintonizzando i canali. Se anche dopo la sintonizzazione comparirà ancora lo schermo nero, allora significherà che il tuo TV, allo stato attuale, non supporta lo standard di trasmissione DVB-T2.

In questo caso, dovrai scegliere al più presto se acquistare un nuovo TV o un decoder da affiancare il tuo dispositivo. Come scegliere tra le due opzioni? 

Nuovo TV o decoder per lo Switch Off? 

Come abbiamo detto, tutte le persone che non dispongono di un dispositivo idoneo a supportare il nuovo modello di trasmissione DVB-T2 che verrà adottato dopo lo Swtich Off hanno due opzioni tra cui scegliere: acquistare un nuovo TV in grado di “accogliere” lo Switch Off oppure acquistare un decoder da associare al televisore già in possesso per rendere quest’ultimo idoneo all’uso del modello DVB-T2

Qual è la scelta migliore e quali sono i vantaggi delle due opzioni? 

Ovviamente non esiste un’unica risposta a questa domanda, ma molto dipenderà dalla situazione e dalle esigenze di ogni utente. Vediamo quindi qualche dettaglio in più che potrebbe facilitare la scelta. 

Il decoder per lo Switch Off

Ovviamente il decoder si presenta come la soluzione nettamente più economica rispetto all’acquisto di una nuova TV, soprattutto perché è possibile trovare facilmente sul mercato decoder di ultima generazione a prezzi più che abbordabili (come ad esempio il inserire nome e link decoder TREVI). Decoder Trevi HE 3368 T2

Se stai cercando quindi il modo più economico possibile per poter continuare a sfruttare il tuo TV anche dopo lo switch off, il decoder è esattamente quello che fa per te. 

Inoltre, oggi esistono modelli di decoder che implementano numerose funzioni come la possibilità di mettere in pausa un programma TV, di riavvolgere o mandare avanti veloce una trasmissione o, ancora, la possibilità di registrare direttamente dal decoder un programma televisivo da poter rivedere in seguito.

Infine, l’installazione di un decoder risulta semplicissima e non dovrai quindi preoccuparti di dover effettuare passaggi complessi. 

L’acquisto di un nuovo TV per lo Switch Off

Dall’altra parte troviamo invece la scelta che comporta un investimento ben diverso sia in termini monetari, ma anche qualitativi. 

Acquistare un nuovo televisore, infatti, è ovviamente e decisamente più costoso rispetto all’acquisto di un decoder, ma è importante fare una considerazione. 

Se il tuo televisore attuale necessita di un decoder per lo switch off, ciò significa con buone probabilità che si tratti di un dispositivo ormai piuttosto datato e che quindi, al di là dell’imminente switch off, risulterà via via sempre meno “adatto” a stare al passo con le nuove tecnologie e una qualità video sempre più elevata. 

Potrebbe essere interessante quindi pensare ad un investimento per il futuro che ti consenta di passare ad un televisore moderno, con tutti i vantaggi e le qualità che questo porta con sé. 

Acquistare ad esempio uno Smart TV 4K (come TV Trevi UHD 5003 SMART) ti permetterà di fruire dei contenuti video con una qualità decisamente più elevata, oltre a darti la possibilità di sfruttare tutte le funzionalità smart per vedere anche contenuti in streaming. 

Inoltre, questo è senza dubbio il momento migliore per pensare all’acquisto di un nuovo TV, dato che potrai sfruttare i vantaggi del Bonus TV per rottamare il tuo vecchio dispositivo e avere uno sconto fino a 100€ per l’acquisto di uno nuovo

Trovi tutte le informazioni sul bonus tv e su come accedervi in questo nostro articolo.

Dunque, stai pensando di cogliere l’occasione per acquistare un TV di ultima generazione o opterai per un decoder funzionale ed economico da associare al tuo dispositivo?

Articoli Correlati

Registratore vocale: perché acquistarlo anziché affidarsi allo smartphone

Perché scegliere un registratore vocale digitale anziché affidarsi all'app dello smartphone? Ecco i vantaggi del dispositivo.

Switch Off: nuovo TV o decoder, cosa scegliere?

La data dello switch off: acquistare un nuovo TV o un decoder da associare al proprio dispositivo? Cosa scegliere tra i due?

Switch off: da MPEG-2 a MPEG-4

Dal 15 ottobre, come ormai sappiamo bene,...